11 milioni di italiani in vacanza sulla neve tra gennaio e marzo (+4,3%), giro d’affari 8,2 miliardi di euro (+11,9%). Bocca: “confidiamo che il decreto crescita e gli altri provvedimenti in dirittura di arrivo riservino al nostro settore quei segnali di concreta attenzione che non hanno purtroppo trovato spazio in legge di bilancio, a partire dal rifinanziamento del credito di imposta per la riqualificazione delle strutture ricettive”. Le piccole e medie imprese del turismo, alle prese con fatturazione elettronica, scontrino digitale, revisore dei conti obbligatorio, etc. sono in attesa di capire se le leggi dello Stato valgono anche per Airbnb e i suoi 400.000 host, che da due anni se ne fanno beffa ed hanno dimenticato di versare al fisco più di 250 milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *