Ami la natura? Vuoi provare l’esperienza magnifica di un safari nella giungla e sei un appassionato bird watcher? Ti entusiasma scoprire culture diverse?

Il Chitwan National Park è il posto che fa per te!

Situato nel Nepal centro-meridionale, nella regione del Terai, questo parco è una delle riserve naturali più importanti e ricche d’Asiain cui poter ancora osservare una natura incontaminata: un luogo affascinante e di grande suggestione.

Istituito ufficialmente Parco Nazionale nel 1973 e dichiarato Patrimonio dell’UNESCO nel 1984Chitwan (termine hindu che significa “cuore della giungla”) si estende su un’area di 932 kmq ed è costituito da tre ambienti: la fitta foresta, le paludi e le praterie.

Che sia in jeep, a piedi o a dorso di elefante, sarete sempre circondati da una fauna davvero incredibile e da moltissime specie protette: rinoceronti indiani, cervi, scimmie, 450 specie di uccelli e, se sarete davvero fortunati, leopardi, elefanti selvatici, orsi labiati e la maestosa tigre reale del Bengala, un’occasione unica e indimenticabile.

Le attività a disposizione per ammirare la natura selvaggia nella sua vera forma sono davvero tante e possono essere organizzate in base alle preferenze personali ma, qualsiasi sia la scelta, l’esperienza nel Parco Nazionale di Chitwan resta unica!


Le specie animali del Parco Nazionale di Chitwan
Come detto, questa riserva naturale incontaminata è habitat di numerose specie faunistiche ma, sicuramente, tra le più importanti e quelle che tutti vorrebbero avvistare ci sono: il rinoceronte indiano, con un solo corno (chiamato gaida in nepalese), di cui ne sopravvivono circa 3000 esemplari, la maggior parte dei quali a Chitwan; l’elefante asiatico (hathi), il secondo più grande mammifero terrestre dopo quello africano, che nel parco di Chtiwan è addomesticato e utilizzato per i safari nella giungla; la tigre reale del Bengala (bagh), agile e feroce, il più agguerrito predatore delle giungle nepalesi: nel parco se ne contano attualmente circa 125 esemplari. E, ancora, il coccodrillo gaviale, animale dall’aspetto insolito, con il muso sottile e allungato, predatore specializzato nella cattura di pesci di fiume; l’orso labiato (bhalu) dal pelo ispido e nero, con artigli molto lunghi, abile nell’arrampicarsi sugli alberi.

 

Le attività: dal safari a dorso di elefante all’escursione in canoa
Come dei veri Maharaja, addentrarsi nella giungla a dorso di un elefante è l’esperienza più caratteristica del Chitwan, il modo migliore per non spaventare gli animali e avere così la possibilità di avvistarli nel loro habitat. I safari, organizzati con elefanti addomesticati o di proprietà dei lodge, durano da una a due ore e attraversano la fitta phanta lungo il fiume Rapti, dove rinoceronti e cervi sono soliti cibarsi.

Ed è proprio sulle sponde del fiume che, in determinati orari della mattinata, si assiste all’ora del bagno degli elefanti! I proprietari degli elefanti (mahout) portano fino a qui i pachidermi che cominciano a rinfrescarsi con la proboscide, soffiando in aria una vera e propria pioggia d’acqua. Un vero e proprio spettacolo!

Tappa imperdibile è la visita del centro di allevamento degli elefanti: sarà affascinante osservare le elefantesse interagire con i cuccioli e vederli mangiare i kuchiis, dolci di melassa, sale e riso avvolti nell’erba preparati dai mahout.

Un altro modo straordinario per entrare in contatto con la natura del luogo è a piedi. Chitwan è, infatti, una delle poche riserve al mondo visitabile in questa modalità:sarà straordinario avvistare animali selvatici a distanza molto ravvicinata! Un’esperienza emozionante dedicata ai più impavidi, accompagnati sempre da una guida locale.

Per chi invece desidera qualcosa di più rilassante, con buone possibilità di avvistare e fotografare uccelli acquatici e coccodrilli, l’uscita in canoa è l’ideale e prevede anche una passeggiata guidata fino a Sauraha.

Non meno interessante è il safari in fuoristrada, alternativa che permette di addentrarsi maggiormente nella giungla e scorgere, con un po’ di fortuna, la tigre del Bengala. I safari si possono prenotare sia nei lodge dove si alloggia che tramite le agenzie di Sauraha.

Anche un’escursione in bicicletta regala momenti davvero memorabili! Nel parco non si possono effettuare tour su due ruote, ma ci si può inoltrare nelle campagne circostanti, visitare piccoli villaggi tharu, popolazione locale dedita all’agricoltura, o raggiungere il Bis Hajaar Tal, un insieme di laghi e stagni densamente popolato da uccelli, uno dei posti migliori per l’osservazione e lo studio dell’avifauna.


Come raggiungere il Parco Nazionale di Chitwan
Il Parco si trova a circa 200 km da Kathmandu e lo si può raggiungere in aereo atterrando a Meghauli o Bharatpur se si è diretti a Sauraha, con automobile privata in 4-5 ore o con autobus turistico che parte da Kathmandu o da Pokhara in 5-7 ore.


Il Parco Nazionale di Chitwan diventa la prima area protetta plastic-free del Nepal
Dal 1° gennaio 2019, il governo nepalese ha dichiarato il Chitwan National Park la prima area protetta plastic free.
L’iniziativa, guidata dal Ministero delle Foreste e dell’Ambiente, è stata attuata dal Chitwan National Park con il sostegno dell’esercito del Nepal, del WWF Nepal, di Coca-Cola Nepal, del National Trust for Nature Conservation e delle comunità locali della zona.
Il divieto di utilizzo di materie plastiche nel Chitwan National Park, vuole contribuire a preservare l’habitat naturale e proteggere la fauna selvatica come tigri, rinoceronti, elefanti e specie d’acqua dolce. I contenitori per la raccolta della plastica sono collocati in numerosi luoghi fuori dal Parco Nazionale di Chitwan, per consentire ai visitatori di smaltire gli oggetti di plastica.

 


www.welcomenepal.com
 – www.facebook.com/nepaltourismboard

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *