ITALIA TRAVEL AWARDS: IL 6 MAGGIO ALL’ACQUARIO ROMANO

ITALIA TRAVEL AWARDS: IL 6 MAGGIO ALL’ACQUARIO ROMANO

I VINCITORI DEGLI OSCAR DEL TURISMO 2019

A grande richiesta sarà nuovamente l’Acquario Romano ad ospitare il 6 maggio la tanto attesa “notte degli Oscar” di Italia Travel Awards 2019. Una location prestigiosa ed elegante nel cuore di Roma che farà da cornice ad uno degli appuntamenti più esclusivi ed irrinunciabili dell’anno ormai di interesse nazionale. Manca meno di un mese per scoprire dunque chi saranno i vincitori tra i 5 candidati delle 25 categorie in concorso che saranno premiati con la statuetta della “Viaggiatrice” durante una serata di gala in cui non mancheranno momenti di musica e spettacolo. Sarà la “spumeggiante” Roberta Lanfranchi a condurre la serata di premiazione che con la sua simpatia e professionalità la renderanno sicuramente una notte magica.

 

Si sono chiuse ufficialmente, lo scorso 31 marzo, le votazioni di questa quarta edizione di Italia Travel Awards per Agenti di Viaggio e Viaggiatori che hanno scelto i propri candidati agli Oscar del Turismo Italiani. Le votazioni si sono tenute, attraverso un sistema di voto libero e trasparente, esclusivamente online su www.italiatravelawards.it, che ha permesso ai votanti di esprimere le proprie preferenze per ognuna delle 25 categorie in concorso. Viaggiatori e Agenti di viaggio partecipano al sondaggio online, che non si propone di stilare classifiche di merito, ma solo di lasciare al pubblico la possibilità di votare chi ha rappresentato al meglio il settore turistico italiano.

Per il secondo anno sarà assegnato anche il premio speciale Turismo Accessibile al miglior progetto tra i 19 progetti presentati entro lo scorso 31 marzo e che la giuria (Giacomo Ebner, magistrato; Roberto Casarotto, ballerino, coreografo; Silvana Giovannini, presidente dell’associazione Ylenia e gli amici speciali e Nicola Modugno, neurologo presso IRCCS Neuromed di Pozzilli) sta valutando in queste ore.

 

I parametri di valutazione dei progetti sono come per la scorsa edizione:

 

  • Originalità
  • Coinvolgimento
  • Replicabilità su base nazionale
  • Funzionalità

 

Anche in questo caso il vincitore sarà annunciato durante la serata di gala del 6 maggio a Roma.

 

Nel frattempo Agenti di Viaggio e Viaggiatori che hanno votato hanno partecipato automaticamente al concorso “RISPONDI&VINCI” e Vueling, sponsor tecnico di questa edizione premierà le due categorie con 8 biglietti aerei a/r per diverse capitali europee (4 per gli Agenti di Viaggio e 4 per i Viaggiatori).

 

Per vivere la magia della notte degli Oscar e vedere i propri beniamini premiati sul palco durante l’esclusiva serata di galanon resta che incrociare le dite sperando che i propri candidati siano i fortunati premiati e aspettare il tanto atteso appuntamento all’Acquario Romano il 6 maggio a Roma.

 

Gli sponsor, i partner e i patrocini della quarta edizione:

  • Main Sponsor : Tui Italia
  • Sponsor: Beachcomber Resorts & Hotels, Abu Dhabi – Dipartimento Cultura e Turismo, Albatravel Group, Ente Nazionale per il Turismo Thailandese, Idee per viaggiare, Allianz Global Assistance, Ente del Turismo Egiziano, Grandi Navi Veloci, Palladium Hotel Group.
  • Sponsor Tecnico: Vueling, Paul Mitchell
  • Hotel Partner: Space Hotels
  • Media Partner: Citynews, askanews, Progress, Radio M100, Uomini e Donne della Comunicazione, in Viaggio con gusto – Bio magazine – gusto Sano
  • Patrocini: Assessorato allo Sviluppo Economico, Turismo e Lavoro del Comune di Roma, ENIT – Agenzia Nazionale del Turismo .

 

Cosa sono gli “Italia Travel Awards”

L’obiettivo del progetto è quello di incoraggiare e stimolare la professionalità nel settore dei viaggi e del turismo nazionale ed internazionale. Il riconoscimento Italia Travel Awards, è nato con l’intento di premiare professionalità, competenza e qualità nel settore dei viaggi e del turismo.

I riconoscimenti alle categorie in concorso agli Awards saranno assegnati tramite i voti espressi da viaggiatori ed agenti di viaggio: questi decreteranno le eccellenze del mondo del turismo italiano.

 

Le categorie in concorso

Sono 25 i premi della quarta edizione. Agenti di viaggio e Viaggiatori hanno avuto ognuno le proprie categorie fra cui votare.

Gli Agenti di viaggio sono stati invitati ad esprimere le loro preferenze su diverse componenti delle seguenti categorie: Tour Operator, Ospitalità, Uffici del Turismo, Software house per il turismo, Network, Crociere, GDS, Assicurazioni, Associazioni e OTA.

I Viaggiatori hanno premiato invece: Tour Operator, Compagnia area di linea e low-cost , Compagnia di crociera, Compagnia di Traghetti, Sito di prenotazione online, Destinazione, Compagnia Ferroviaria, Compagnia di Autonoleggio, Albergo/Resort, Aeroporto italiano, Regione italiana e Agenzia di viaggio.

ENIT AL NATIONAL WEDDING SHOW DI LONDRA IL 13 E 14 APRILE 2019

I viaggi di nozze internazionali muovono 217 milioni di euro e crescono del 16,4%.

 I matrimoni destagionalizzano il turismo.

 Cinque le regioni preferite dagli stranieri per la luna di miele: si spende di più nel Lazio, Toscana, Veneto, Campania e Sardegna

ENIT partecipa il 13 e 14 aprile alla fiera National Wedding Show, allestita all’ExCeL London, il centro conferenze e mostre britannico, situato nel quartiere londinese di Newham. L’appuntamento registra oltre 10mila visitatori nella due giorni più importante del settore in UK.

 

Per il quinto anno consecutivo l’Agenzia Nazionale del Turismo italiana ha un proprio stand di 150 metri quadrati, quest’anno condiviso con 5 regioni: Abruzzo, Lazio, Marche, Umbria e Friuli Venezia Giulia. Ad apportare un tocco di italianità alla fiera un pianista all’ingresso del centro fieristico e tutte le attività di promozione della destinazione Italia per incentivare l’incoming legato a matrimoni e lune di miele nel Belpaese. E’ partita anche la sponsorizzazione all’interno dell’area e sui treni Dlr che conducono alla fiera e sono previsti momenti di networking con operatori e giornalisti del settore.

 

Secondo l’Ufficio Studi Enit su dati Banca d’Italia l’Italia è amata da tutti i turisti stranieri. I viaggi di nozze internazionali infatti muovono 217 milioni di euro e sono cresciuti del 16,4%. Decidono di sposarsi nella Penisola soprattutto gli americani (51,3 milioni di euro) seguiti da brasiliani (27,9 milioni di euro, +401,2% sul 2016), giapponesi (17,5 milioni di euro, 108,4% sul 2016), canadesi (16,5 milioni di euro, +64,9% sul 2016) e britannici (16,1 milioni di euro).

 

Cinque le regioni preferite dagli stranieri per la luna di miele: si spende di più nel Lazio, Toscana, Veneto, Campania e Sardegna.

 

Alberghi e villaggi turistici ancora preferiti per coronare il sogno d’amore (confluisce il 90,5% della spesa totale dei visitatori stranieri) ma sono in crescita case in affitto (+47,6% sul 2016) e B&B (+32,4%).

 

Il periodo prescelto per le nozze segue un andamento stagionale variabile con picchi nel mese di luglio e ottobre (rispettivamente 39 e 34,5 milioni di euro) e con un trend di spesa maggiore nei classici mesi estivi. Le vacanze per i viaggi di nozze sono quindi un prodotto turistico che contribuisce alla destagionalizzazione.

Edible Orchestra: anche i frutti delle terra fanno risuonare Matera 2019

Tre giorni dedicati al cibo inteso non solo come alimento, ma come strumento di socialità e di creatività. Concerti, produzioni artistiche, performance live, presentazioni di libri, anteprime nazionali nel mercato ortofrutticolo e nell’auditorium di Matera

Entro il 2050 la Terra ospiterà probabilmente oltre 9 miliardi di abitanti, con un crescente bisogno di cibo. Il progetto “Edible Orchestra” è focalizzato sul cibo inteso come valore essenziale per il benessere e l’economia di una comunità.

“Il cibo – afferma Agostino Riitano, Project manager supervisor della Fondazione Matera Basilicata 2019 e coordinatore di questo progetto – non è solo una questione alimentare, può determinare equilibri ambientali e stimolare la responsabilità sociale di una comunità. Per questo attraverso l’arte, in particolare la musica, creeremo un programma di attività innovative protese alla divulgazione di questi principi mediante il coinvolgimento di artisti italiani ed europei che svilupperanno azioni, workshop e performance con la partecipazione attiva dei cittadini della Basilicata. Se il cibo non è solo un fatto alimentare, anche il mercato ortofrutticolo non è un luogo come tanti. Il mercato è simbolo dell’aggregazione spontanea e non mediata, uno spazio pubblico laico ed attraversabile liberamente come una piazza. Un luogo di incontro nel quale è possibile scegliere ed esprimere posizioni, un residuo di quella agorà che ha caratterizzato la storia culturale del Mediterraneo”.

Punto centrale del programma sarà la Vegetable Orchestra, un esperimento unico al mondo nel suo genere. La peculiarità dell’orchestra viennese è quella di esibirsi unicamente con strumenti musicali fabbricati con frutta e verdura fresche offerte dal mercato locale. La Vegetable Orchestra di Vienna si esibirà con strumenti musicali fabbricati con frutta e verdura fresche locali, offerte per l’occasione da Coldiretti Basilicata.

La Vegetable Orchestra si esibirà il giorno 13 aprile alle ore 21.00 presso l’Auditorium R. Gervasio di Matera (ingresso con passaporto e su prenotazione). Nella giornata precedente al concerto, la Vegetable Orchestra condurrà 2 laboratori, nelle stanze del complesso del casale di realizzazione di strumenti musicali ricavati dagli ortaggi, rivolti alla comunità per un numero massimo di 30 partecipanti per ciascun laboratorio. Questi due incontri sono aperti a tutti fino ad esaurimento posti. Per iscriversi è sufficiente inviare una mail al seguente indirizzo culturalarea@matera-basilicata2019.it con oggetto “iscrizione workshop Vegetable Orchestra” indicando a quale dei due laboratori ci si vuole iscrivere e specificando l’orario scelto (10:00-13:00 o 15:00-18:00).

La performance della Vegetable Orchestra sarà supportata dall’azione di due food-performer, Don Pasta e Nick Difino.

I banchi del Mercato Rionale di Via Ascanio Persio ospiteranno le performance degli artisti e le presentazioni dei libri di Stefano Liberti e Federico Valicenti.

Nick Difino presenterà l’installazione “Les Tableaux Mangeant – food dalle parole alla tavolozza”, un’opera d’arte collettiva e commestibile che sarà realizzata da 100 cittadini materani che lavoreranno con l’artista per 2 giorni 9 – 10 aprile.

Durante il workshop si analizzerà il mondo alimentare partendo dai propri piatti preferiti per risalire agli ingredienti e le storie connesse. Il legame tra cultura gastronomica territoriale e storia familiare e tradizioni future, saranno tradotte in un’opera a metà tra la scultura e la pittura e l’arte dell’impiattamento, come collegamento ai nuovi stili promossi da Grant Achaz a Chicago, rispecchiando la convinzione comune che cibo e famiglia possono trasformarsi in opera d’arte. L’opera sarà presentata al pubblico il giorno 11 aprile alle ore 20.00 presso lo spazio del Mercato Rionale, in Via Ascanio Persio a Matera.

Il giorno 11 aprile alle ore 18.00 Federico Valicenti al mercato presenterà il suo libro “Dalla tavola lucana al paradiso” una lettura da far decantare come il buon vino, ogni pagina risulta essere impastata e amalgamata a quella seguente. Un libro che fa l’occhiolino al cibo come metafora della vita e della condivisione, perché a tavola per comprendere l’essenza del cibo bisogna avere buoni compagni, non fosse altro per il significato stesso della parola “compagno”. Parola meravigliosa, dal latino “che mangia lo stesso pane”, cum “con” e panis “pane”.

Il giorno 12 aprile alle ore 18.00 Stefano Liberti sempre al mercato presenterà la lezione spettacolo “I signori del cibo. Viaggio nell’industria alimentare che sta divorando il pianeta”. Dal pomodoro globalizzato coltivato in Cina al suino geneticamente modificato, dai tonni che attraversano mezzo pianeta per finire in una scatoletta alla bresaola della Valtellina che viene dal Brasile, un viaggio a parole e immagini attraverso i meccanismi di funzionamento e i retroscena della grande industria alimentare.

Subito dopo, alle ore 20, sempre al mercato rionale di via Ascanio Persio, Daniele De Michele in arte Don Pasta presenterà “United food of Matera”, una performance multimediale originale basata sulle testimonianze di otto cittadini materani e sulla loro relazione autentica con il cibo e la cucina.

Sempre nello spazio del Mercato Rionale dalle ore 21.00 Don Pasta andrà in scena con la performance “Cooking dj set”. Sul palco userà vinili e pentole contemporaneamente, mixer e minipimer per frullare musica e veloutés. E’ una performance in cui ci si lascia andare all’emozione del cibo, ai suoi profumi, colori, le sue forme, i suoi aromi. Il dj set è speziato di sonorità del mondo intero, tra il funk, il reggae, il Sud America e la Londra meticcia. Profumi di cioccolata e caldo soul.

Il giorno 13 aprile alle ore 11, nella sala community della sede di Matera 2019, in via La Vista 1, Stefano Liberti e Fabio Ciconte presenteranno in prima nazionale il libro “La fabbrica del sottocosto” edito da Editori Laterza. Oggi le grandi insegne di supermercati hanno un ruolo primario nella vita di tutti noi: il 70% degli acquisti alimentari in Italia avviene in un esercizio della Grande distribuzione organizzata (GDO). Ma da dove arriva il cibo che compriamo nei supermercati? Chi ne decide il prezzo e la disposizione sugli scaffali? Dietro un’apparenza banale, quasi anonima, il supermercato è in realtà il terminale ultimo di un intreccio di rapporti produttivi, sociali ed economici di cui l’acquirente finale, nulla sa e nulla deve sapere. Il libro si propone di scomporre e disvelare la realtà dietro gli scaffali: dai rapporti con i fornitori ai contratti con i lavoratori, dai reali costi delle offerte ai segreti del marketing della GDO. Attraverso le testimonianze dei principali protagonisti del mondo del commercio, il libro vuole essere un viaggio in una realtà che è parte integrante della vita di gran parte di noi e che la influenza molto più di quanto pensiamo.

 

Per info e prenotazioni cliccare qui.

 

IL PROGRAMMA

11-12-13 aprile 2019

Mercato Rionale Via Ascanio Persio – Auditorium

EDIBLE ORCHESTRA

Il cibo non è solo una questione alimentare

9 – 10 APRILE | Complesso del Casale Rione Sassi Matera

Workshop con Nick Difino Realizzazione di “LES TABLEAUX MANGEANT – food dalle parole alla tavolozza”, opera d’arte collettiva commestibile. Orari: 18 – 21

11 APRILE | Mercato Comunale di via Ascanio Persio

ore 18.00 | presentazione libro “Dalla tavola lucana al paradiso” di Federico Valicenti

ore 20.00 | food performance “LES TABLEAUX MANGEANT – food dalle parole alla tavolozza” di Nick Difino

12 APRILE | Complesso del Casale Rione Sassi Matera

ore 10/13 e 15/18 | Workshop di creazione di strumenti musicali ricavati dagli ortaggi con la Vegetable Orchestra

12 APRILE | Mercato Comunale di via Ascanio Persio

ore 18.00 | Lezione spettacolo “I signori del cibo. Viaggio nell’industria alimentare che sta divorando il pianeta” di Stefano Liberti

ore 20.00 | performance multimediale “UNITED FOOD OF MATERA” a seguire cooking dj – set di Don Pasta

13 APRILE | Sala del Community Center Santa Lucia – Via Lavista, 1 Matera

Ore 11.00 | Presentazione del libro “Il Grande carrello” di Stefano Liberti e Fabio Ciconte edito da Editori Laterza

13 APRILE | Auditorium R. Gervasio | INGRESSO CON PASSAPORTO E PRENOTAZIONE

Ore 21.00 | Vegetable Orchestra in concerto. La sinfonia dei frutti della terra. Originale concerto dell’orchestra viennese famosa per esibirsi con strumenti musicali fabbricati a partire da frutta e verdura fresche offerte dal mercato locale.

Edible Orchestra: anche i frutti delle terra fanno risuonare Matera 2019

Tre giorni dedicati al cibo inteso non solo come alimento, ma come strumento di socialità e di creatività. Concerti, produzioni artistiche, performance live, presentazioni di libri, anteprime nazionali nel mercato ortofrutticolo e nell’auditorium di Matera

Entro il 2050 la Terra ospiterà probabilmente oltre 9 miliardi di abitanti, con un crescente bisogno di cibo. Il progetto “Edible Orchestra” è focalizzato sul cibo inteso come valore essenziale per il benessere e l’economia di una comunità.

“Il cibo – afferma Agostino Riitano, Project manager supervisor della Fondazione Matera Basilicata 2019 e coordinatore di questo progetto – non è solo una questione alimentare, può determinare equilibri ambientali e stimolare la responsabilità sociale di una comunità. Per questo attraverso l’arte, in particolare la musica, creeremo un programma di attività innovative protese alla divulgazione di questi principi mediante il coinvolgimento di artisti italiani ed europei che svilupperanno azioni, workshop e performance con la partecipazione attiva dei cittadini della Basilicata. Se il cibo non è solo un fatto alimentare, anche il mercato ortofrutticolo non è un luogo come tanti. Il mercato è simbolo dell’aggregazione spontanea e non mediata, uno spazio pubblico laico ed attraversabile liberamente come una piazza. Un luogo di incontro nel quale è possibile scegliere ed esprimere posizioni, un residuo di quella agorà che ha caratterizzato la storia culturale del Mediterraneo”.

Punto centrale del programma sarà la Vegetable Orchestra, un esperimento unico al mondo nel suo genere. La peculiarità dell’orchestra viennese è quella di esibirsi unicamente con strumenti musicali fabbricati con frutta e verdura fresche offerte dal mercato locale. La Vegetable Orchestra di Vienna si esibirà con strumenti musicali fabbricati con frutta e verdura fresche locali, offerte per l’occasione da Coldiretti Basilicata.

La Vegetable Orchestra si esibirà il giorno 13 aprile alle ore 21.00 presso l’Auditorium R. Gervasio di Matera (ingresso con passaporto e su prenotazione). Nella giornata precedente al concerto, la Vegetable Orchestra condurrà 2 laboratori, nelle stanze del complesso del casale di realizzazione di strumenti musicali ricavati dagli ortaggi, rivolti alla comunità per un numero massimo di 30 partecipanti per ciascun laboratorio. Questi due incontri sono aperti a tutti fino ad esaurimento posti. Per iscriversi è sufficiente inviare una mail al seguente indirizzo culturalarea@matera-basilicata2019.it con oggetto “iscrizione workshop Vegetable Orchestra” indicando a quale dei due laboratori ci si vuole iscrivere e specificando l’orario scelto (10:00-13:00 o 15:00-18:00).

La performance della Vegetable Orchestra sarà supportata dall’azione di due food-performer, Don Pasta e Nick Difino.

I banchi del Mercato Rionale di Via Ascanio Persio ospiteranno le performance degli artisti e le presentazioni dei libri di Stefano Liberti e Federico Valicenti.

Nick Difino presenterà l’installazione “Les Tableaux Mangeant – food dalle parole alla tavolozza”, un’opera d’arte collettiva e commestibile che sarà realizzata da 100 cittadini materani che lavoreranno con l’artista per 2 giorni 9 – 10 aprile.

Durante il workshop si analizzerà il mondo alimentare partendo dai propri piatti preferiti per risalire agli ingredienti e le storie connesse. Il legame tra cultura gastronomica territoriale e storia familiare e tradizioni future, saranno tradotte in un’opera a metà tra la scultura e la pittura e l’arte dell’impiattamento, come collegamento ai nuovi stili promossi da Grant Achaz a Chicago, rispecchiando la convinzione comune che cibo e famiglia possono trasformarsi in opera d’arte. L’opera sarà presentata al pubblico il giorno 11 aprile alle ore 20.00 presso lo spazio del Mercato Rionale, in Via Ascanio Persio a Matera.

Il giorno 11 aprile alle ore 18.00 Federico Valicenti al mercato presenterà il suo libro “Dalla tavola lucana al paradiso” una lettura da far decantare come il buon vino, ogni pagina risulta essere impastata e amalgamata a quella seguente. Un libro che fa l’occhiolino al cibo come metafora della vita e della condivisione, perché a tavola per comprendere l’essenza del cibo bisogna avere buoni compagni, non fosse altro per il significato stesso della parola “compagno”. Parola meravigliosa, dal latino “che mangia lo stesso pane”, cum “con” e panis “pane”.

Il giorno 12 aprile alle ore 18.00 Stefano Liberti sempre al mercato presenterà la lezione spettacolo “I signori del cibo. Viaggio nell’industria alimentare che sta divorando il pianeta”. Dal pomodoro globalizzato coltivato in Cina al suino geneticamente modificato, dai tonni che attraversano mezzo pianeta per finire in una scatoletta alla bresaola della Valtellina che viene dal Brasile, un viaggio a parole e immagini attraverso i meccanismi di funzionamento e i retroscena della grande industria alimentare.

Subito dopo, alle ore 20, sempre al mercato rionale di via Ascanio Persio, Daniele De Michele in arte Don Pasta presenterà “United food of Matera”, una performance multimediale originale basata sulle testimonianze di otto cittadini materani e sulla loro relazione autentica con il cibo e la cucina.

Sempre nello spazio del Mercato Rionale dalle ore 21.00 Don Pasta andrà in scena con la performance “Cooking dj set”. Sul palco userà vinili e pentole contemporaneamente, mixer e minipimer per frullare musica e veloutés. E’ una performance in cui ci si lascia andare all’emozione del cibo, ai suoi profumi, colori, le sue forme, i suoi aromi. Il dj set è speziato di sonorità del mondo intero, tra il funk, il reggae, il Sud America e la Londra meticcia. Profumi di cioccolata e caldo soul.

Il giorno 13 aprile alle ore 11, nella sala community della sede di Matera 2019, in via La Vista 1, Stefano Liberti e Fabio Ciconte presenteranno in prima nazionale il libro “La fabbrica del sottocosto” edito da Editori Laterza. Oggi le grandi insegne di supermercati hanno un ruolo primario nella vita di tutti noi: il 70% degli acquisti alimentari in Italia avviene in un esercizio della Grande distribuzione organizzata (GDO). Ma da dove arriva il cibo che compriamo nei supermercati? Chi ne decide il prezzo e la disposizione sugli scaffali? Dietro un’apparenza banale, quasi anonima, il supermercato è in realtà il terminale ultimo di un intreccio di rapporti produttivi, sociali ed economici di cui l’acquirente finale, nulla sa e nulla deve sapere. Il libro si propone di scomporre e disvelare la realtà dietro gli scaffali: dai rapporti con i fornitori ai contratti con i lavoratori, dai reali costi delle offerte ai segreti del marketing della GDO. Attraverso le testimonianze dei principali protagonisti del mondo del commercio, il libro vuole essere un viaggio in una realtà che è parte integrante della vita di gran parte di noi e che la influenza molto più di quanto pensiamo.

 

Per info e prenotazioni cliccare qui.

 

IL PROGRAMMA

11-12-13 aprile 2019

Mercato Rionale Via Ascanio Persio – Auditorium

EDIBLE ORCHESTRA

Il cibo non è solo una questione alimentare

9 – 10 APRILE | Complesso del Casale Rione Sassi Matera

Workshop con Nick Difino Realizzazione di “LES TABLEAUX MANGEANT – food dalle parole alla tavolozza”, opera d’arte collettiva commestibile. Orari: 18 – 21

11 APRILE | Mercato Comunale di via Ascanio Persio

ore 18.00 | presentazione libro “Dalla tavola lucana al paradiso” di Federico Valicenti

ore 20.00 | food performance “LES TABLEAUX MANGEANT – food dalle parole alla tavolozza” di Nick Difino

12 APRILE | Complesso del Casale Rione Sassi Matera

ore 10/13 e 15/18 | Workshop di creazione di strumenti musicali ricavati dagli ortaggi con la Vegetable Orchestra

12 APRILE | Mercato Comunale di via Ascanio Persio

ore 18.00 | Lezione spettacolo “I signori del cibo. Viaggio nell’industria alimentare che sta divorando il pianeta” di Stefano Liberti

ore 20.00 | performance multimediale “UNITED FOOD OF MATERA” a seguire cooking dj – set di Don Pasta

13 APRILE | Sala del Community Center Santa Lucia – Via Lavista, 1 Matera

Ore 11.00 | Presentazione del libro “Il Grande carrello” di Stefano Liberti e Fabio Ciconte edito da Editori Laterza

13 APRILE | Auditorium R. Gervasio | INGRESSO CON PASSAPORTO E PRENOTAZIONE

Ore 21.00 | Vegetable Orchestra in concerto. La sinfonia dei frutti della terra. Originale concerto dell’orchestra viennese famosa per esibirsi con strumenti musicali fabbricati a partire da frutta e verdura fresche offerte dal mercato locale.

La cavalcata di San Giuseppe a Scicli

Il programma della cavalcata di San Giuseppe edizione 2019

Scicli : Sabato 23 marzo 2019  si svolgerà la Festa del Patrono San Giuseppe con i tradizionali falò e la Cavalcata in onore del Santo.festa di San Giuseppe

Il passaggio della cavalcata di San Giuseppe a Scicli sarà illuminato dall’accensione dei falò che sono stati autorizzati dal Comune. L’amministrazione ha infatti voluto recuperare la bellezza di questo elemento tradizionale, che nei decenni scorsi era stato soppresso.

bardatura cavalliL’associazione Gli Amici di Giorgione ha previsto un servizio di bus navetta che farà spola da contrada Zagarone, alla periferia della città, fino al corso Garibaldi (fermata della farmacia Pacetto).

festa scicliLa festa è una rievocazione della biblica Fuga in Egitto della Sacra Famiglia, narrata dagli Evangeli, si svolge ogni anno intorno al 19 marzo quest’anno ricade il 23 Marzo, nel quartiere che ospita la Chiesa di San Giuseppe. Innestata su un residuo di quei drammi sacri che si inscenavano nel Medio Evo per propiziare un buon raccolto, gradualmente è stata assimilatadal Cristianesimo per farne una festa religiosa in onore al Santo Patriarca.

cavalli scicliFiguranti che rappresentano San Giuseppe e la Vergine Maria guidano il corteo che passa nei vari quartieri in cui vengono allestiti dei falò, dei fuochi detti Pagghiari, dove i cavalieri e la gente che segue la cavalcata accende dei fasci di stoppie dette ciaccàre. I cavalli sono bardati con manti di violacciocche, dette bàlicu, e gigli selvatici (spatulidda) composti a modo (nelle settimane precedenti) per rappresentare scene religiose o simboli della città (leone rampante, stemma, San Giuseppe, Gesù, la croce..). Campanacci, sonagli, testiere, ed altri ornamenti completano le bardature.